IL SIGNIFICATO DEI FIORI: IL GERANIO

Il geranio è una delle piante più amate e diffuse, per l’abbondanza della sua fioritura e per i colori vivaci delle corolle. È una presenza gentile e instancabile sui nostri davanzali e giardini, in grado di rallegrare immediatamente il luogo in cui viene messo a dimora.

Il nome geranio deriva dal greco geranos, che significa gru. Richiama la forma del frutto della pianta, quello che rimane una volta caduti i petali, che assomiglia appunto al becco di una gru.

Nel linguaggio dei fiori, regalare un geranio ha sempre significati positivi, eccetto che nel caso del geranio triste, e collegati soprattutto alla sfera dell’amicizia, dell’amore e degli affetti. Il significato specifico dipende dalla specie, dalla forma delle foglie oppure dal colore dei fiori. Continua a leggere

Annunci

Galateo e linguaggio dei fiori

Una storia lunga e antica quella che segna e contraddistingue il legame speciale che si è instaurato tra l’uomo, le essenze floreali e ciò che per lui rappresentano. Da millenni, infatti, l’uomo coltiva fiori e piante, affascinato dalla loro bellezza, fatta di infinite forme e colori, e dai profumi che quasi sempre li accompagnano. Mosso dal desiderio di catturarla per goderla, valorizzarla e averla a disposizione in ogni momento, le ha riservato piccoli e grandi spazi¹ per prendersene cura e proteggerla. Famosi sono i giardini di Babilonia che re Nabucodonosor fece erigere nel VI secolo a.C. per la moglie e considerati una delle sette meraviglie del mondo, come pure è nota e studiata dagli storici la passione per i giardini di Egizi, Greci, Etruschi, Romani. Sul finire della Repubblica, i giardini che sorgevano nei pressi di Roma erano talmente belli e opulenti da essere spesso citati nelle opere di Orazio, Plinio e Varrone. Altrettanto presto, i fiori vennero connotati e arricchiti di contenuti allegorici, spirituali e morali, diventando portatori di significati, emozioni, pensieri e storie. Mi riferisco alle rappresentazioni di fiori nei pittogrammi egiziani e greci², alle leggende che li vedevano protagonisti o attori comprimari fondamentali, all’uso di impreziosire le cerimonie e le feste con la loro presenza, al gesto di regalarli come simbolo di amicizia, amore, affetto.

Nel corso del tempo, a partire in particolar maniera dal Medioevo, i fiori sono diventati sempre più fonte di ispirazione per nutrire pensieri e sentimenti e un modo per dar loro voce. Di più: sono diventati nell’Ottocento Continua a leggere

È autunno quando…

L’autunno, stagione di mezzo che con tutti i riguardi ci conduce fuori dall’estate e, tenendoci per mano, ci porta ad andare incontro all’inverno, un periodo lungo e grigio, da sempre affascina e ispira gli animi sensibili e inclini alla riflessione.

Una stagione di continue variazioni nei colori, che da inizialmente quasi primaverili si fanno poi caldi e riposanti, e di cambiamenti nelle forme e nelle geometrie.

In autunno ogni giorno è diverso e diversa è la stagione, a seconda del mese. Continua a leggere